Header

Ricerca

Login

Sazio

Osteria, enoteca e take-away: nel ristorante «Sazio», Angelo Fancello si occupa personalmente di saziarvi con vostra piena soddisfazione.

american-express-shop-small-sazio-1

La botte nel cuore del quartiere di Seefeld

Non lontano dalla fermata dei tram di Kreuzstrasse nel quartiere di Seefeld, sul marciapiede c’è una vecchia botte che indica l’entrata al ristorante «Sazio». Il titolare Angelo Fancello gestisce l’osteria ed enoteca già da più di dieci anni. Prima l’osteria si chiamava «Vipasa», ma secondo Angelo il nuovo nome «Sazio» va inteso come una promessa solenne fatta agli ospiti. L’ossobuco, il piatto italiano a base di stinco di vitello, con pasta e salsa di pomodoro è un autentico classico del «Sazio» e lo si può trovare sul menù ogni mercoledì. Ma nei mesi più freddi Angelo e il suo team offrono regolarmente anche piatti robusti di soul food come pasta fresca con salsiccia, panna e funghi. Chi preferisce qualcosa di più leggero o senza carne può scegliere uno dei piatti vegetariani o vegani, come il cavolfiore in padella con pomodori e olive o la classica pasta al pomodoro.

Atmosfera familiare multiculturale

Nel ristorante «Sazio», il profumo appetitoso delle ricette italiane tradizionali riporta regolarmente alla mente ricordi delle vacanze. Mangiare come se si fosse a casa propria circondati dalla famiglia – questa è l’aspirazione di Angelo per gustare al meglio un pasto nella sua osteria. La sua «famiglia gastronomica», vale a dire lo staff del «Sazio», proviene dall’Italia, da Cuba, dalla Polonia e dalla Repubblica Dominicana. Un variopinto mix crea la migliore armonia, così pensa Angelo. E lui? Angelo è sardo e svizzero, ma soprattutto è un eccellente padrone di casa, che si prende cura e si preoccupa della sua «famiglia» e dei suoi clienti – con onestà e cordialità. «A dopo!»

Piú Shop Small

einzigart – selected design

Sul posto od online: chi ama il design di qualità e chiunque cerchi qualcosa di molto speciale, nell’«einzigart» troverà il suo articolo preferito.

Max Chocolatier

«Max Chocolatier» racconta la storia del prelibato sogno di una famiglia avveratosi nel 2009 a Lucerna.